19 Luglio 2019
[]

Progetti

Situazione Progetti CLMC al 2012

le nostre attività
Cooperazione in Senegal

Nel corso del 2012 sempre a seguito di attività di sensibilizzazione e conoscenza sulle problematiche di sicurezza alimentare dell´area del Sahel è stata avviata in collaborazione con il Centro Missionario Diocesano e la Caritas della diocesi di Ventimiglia-San Remo una raccolta fondi che si completerà nell´anno 2013 a favore del Centro Pubblico Handicappati di Grand-Yoff (Dakar) rispondendo ad una specifica richiesta pervenutaci dalla Cooperazione della nostra rappresentanza diplomatica a Dakar. Il nostro rappresentante paese in Senegal si occupa del suivi dell´iniziativa e mantiene i rapporti con l´istituzione.

Cooperazione in Serbia:

Il Centro di Solidarietà "S. Teresa di Calcutta" di Ateksinae (Serbia) è stato costruito nel 2004, in piena guerra, con il contributo delle Delegazioni delle Caritas Liguri.
Comprende diversi progetti:
  • -Assistenza scolastica all´infanzia abbandonata (soprattutto bambini Rom).
  • -Assistenza donne sole con attività di lavanderia.
  • -Assistenza anziani.

Con il contributo di € 7.000,00 della CLMC, accantonato nell´anno 2011 e trasmesso nel 2012, saranno parzialmente sostenute le spese di gestione del personale dedicato ai diversi progetti.

Cooperazione in Costa d´Avorio e Burkina Faso:

Nell´anno 2012 si sono anche sistematizzate le attività già iniziate negli anni precedenti, di appoggi alla scolarizzazione di giovani in Costa d´Avorio, come risposta anche alla crisi che il paese attraversa da un decennio, e in Burkina Faso. Si è trattato di iniziative, che hanno toccato la provincia di Lecco e che hanno permesso di continuare a sostenere la scolarizzazione di 6 giovani Burkinabè per un finanziamento di € 400,00.
In Costa D´Avorio nel corso del 2012 a seguito delle nostre attività di sensibilizzazione sulle realtà socio-economiche deteriorate a causa del lungo periodo bellico e post-bellico, svolte nel ponente ligure e a Genova abbiamo finanziato, per un importo di € 5.000,00 il ripristino di un Foyer di giovani nella città di Abidjan gestito dai padri missionari della SMA (Società delle Missioni Africane) e contribuito al finanziamento, per la ripresa produttiva, di cooperative di giovani imprenditori.

Progetto di promozione e di presa in carico della Salute mentale in Guinea Conakry.
(segue relazione)
Conferenza Episcopale Italiana (Comitato in favore Terzo mondo) € 35.000,00
Fondo CLMC per i Paesi in via di Sviluppo (PVS) € 6.596,07
Lavoro benevolo soci e collaboratori € 63.100,00
Apporto monetario Partner guineano FMG a progetto € 1.575,00

Micro

- Contributi Caritas Ge e CMD Ventimiglia-Sanremo € 8.670,00 + Fondo CLMC PVS € 330,00
Destinazione: Fondo progetti Caritas € 4.000,00 +Progetto Foyer giovani di Abidjan € 5.000
- Contributi Campagna ´Abbiamo Riso per una cosa seria´ € 3.848,00 = Accantonati nel fondo "campagna riso"
- Scolarizzazione: da soci Clmc per il Burkina Faso € 400,00
da scuola di Taggia per il Senegal € 500,00

Diversi: Offerte soci e privati € 3.624,57 per la gestione ordinaria
5xmille € 1.906,83 per le consulenze amministrative.

Relazione annuale su altri progetti realizzati o in corso nell´anno di riferimento.
Specifica:
Cooperazione in Guinea:
Progetto di promozione e di presa in carico della Salute mentale in Guinea Conakry.

Era stato presentato alla CEI (Comitato in favore dei paesi del Terzo Mondo) nel dicembre 2010, approvato a marzo 2011 per un finanziamento di € 100.000,00, su un totale di 150.000,00 €. Il progetto è iniziato nel giugno 2011.
Il progetto della durata di due anni ha come obiettivo generale quello di promuovere la Salute Mentale in un contesto territoriale allargato in Guinea - Conakry con un rafforzamento ed un´estensione del precedente progetto CLMC (dal gennaio 2006 al giugno 2009, finanziato dal FOGUIRED, (leggi FOnds GUinéo Italien de REconversion de la Dette), sempre in partenariato con l´ONG guineana FMG ( leggi Fraternité Medicale Guinée) cui si è aggiunta la Caritas diocesana di N´Zérékoré.
In sintesi gli obiettivi specifici del progetto sono:
1. Rafforzare le capacità degli operatori sanitari e socio-sanitari
2. Migliorare l´accesso alle cure di qualità per i malati psichici ed epilettici
3. Creare una dinamica di scambio tra il personale sanitario ed i guaritori tradizionali
4. Rafforzare le capacità istituzionali e tecniche delle strutture di cura e comunitarie attraverso un accompagnamento all´organizzazione ed al partenariato.

Le macro-attività previste per conseguire l´obiettivo generale sono:
• Organizzazione di 14 sessioni di formazione teorica e pratica in psichiatria, psicologia, riabilitazione psico-sociale e organizzazione di reti sociali; di piattaforme di scambio e di incontri tematici tra gli attori del progetto; di missioni di scambio sotto-regionali e di missioni Sud - Nord
• Integrazione delle cure psichiatriche nelle 6 strutture sanitarie individuate per il progetto in Guinea Forestale e rivitalizzazione dei servizi di salute mentale nelle 6 strutture già integrate nel precedente progetto, a Conakry e nella Bassa e Media Guinea.
• Realizzazione dei laboratori ( atelier ) di reinserimento per i malati stabilizzati.
• Rafforzamento del dispositivo locale per l´approvvigionamento di medicine neuropsichiatriche generiche.
• Realizzazione di una cartografia dei siti dove operano i guaritori tradizionali.

Beneficiari diretti del progetto :
• 300 persone, fra personale medico e paramedico nel settore neuropsichiatrico
• 6.000 pazienti, che si rivolgono alle 12 strutture di cura e riabilitazione per malati mentali.
Beneficiari indiretti:
• 60.000 persone, membri delle famiglie dei malati
• 600.000 persone, membri della comunità di appartenenza degli stessi malati.
Il progetto,di durata biennale, è iniziato il 15.06.2011 con una fase di organizzazione e di ri attualizzazione dei precedenti risultati acquisiti. La prima missione di formazione, sia psichiatrica che riabilitativa, si è svolta nel gennaio 2012, una seconda psichiatrica, nel maggio del 2012, seguita a giugno da una missione di supervisione e di valutazione a metà percorso. Ad ottobre si è svolta la terza missione di formazione, incentrata sugli aspetti psicologici della Salute Mentale.
Il Progetto Salute Mentale è stato finanziato nel 2012 con un apporto monetario della CEI e CLMC di € 41.596,07 e con un apporto monetario del partner guineano di € 1.575,00.

Il lavoro di preparazione di tali missioni da parte dei componenti la commissione progetti e la permanenza in loco dei formatori e valutatori, ha comportato una valorizzazione di
€ 63.100,00


In vista della nuova fase del progetto il partenariato della CLMC con l´ASL n°1 di Imperia - Sanremo, già avviato, è stata firmata una Convenzione di collaborazione, che favorisce l´impegno del personale dell´ASL per il progetto, sia in Italia che in Guinea, e la partecipazione dell´ASL al Comitato misto tecnico-scientifico.
In vista della conclusione del progetto prevista a metà del 2013, di questa fase del progetto di Salute Mentale, sono già stati presi accordi, insieme al partner FMG, con la Conferenza Episcopale Guineana, per un´estensione del progetto tramite le Caritas diocesane a tutte le Diocesi del paese. Anche il Comitato CEI in favore del Terzo Mondo ha dato un assenso di massima al prolungamento per altri 3 anni.
Questo progetto, già presentato nel 2008 al MAE e non ritenuto per mancanza di fondi nel 2010, è stato attualizzato e riproposto nel dicembre 2012 per un possibile esame, che non ha avuto corso. Nel frattempo un nuovo accordo è nato fra la nostra ONG, LVIA e CISV per un progetto in consorzio più vasto, che prevede interventi a favore delle fasce più deboli e vulnerabili in Guinea, compresi i disabili psichici, sinergico col prolungamento di progetto CEI. Questo progetto consortile sarà presentato presso il MAE al primo appello del 2013.
Inoltre nel corso del 2012 a seguito di attività di sensibilizzazione e conoscenza delle problematiche specifiche del territorio guineano in collaborazione con il Centro Missionario Diocesano e la Caritas della diocesi di Ventimiglia-San Remo, la Clmc ha proposto una raccolta di fondi destinati alla sicurezza alimentare del Centro di accoglienza per persone senza dimora della città di Macenta, diocesi di N´Zerekorè, sempre in Guinea, gestito da una congregazione di Suore. L´iniziativa si completerà nel 2013.

sito realizzato da lapubliemme.com